ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia. L'AKP attacca la Corte costituzionale dopo la sentenza sul velo all'università

Lettura in corso:

Turchia. L'AKP attacca la Corte costituzionale dopo la sentenza sul velo all'università

Dimensioni di testo Aa Aa

In Turchia l’AKP contrattacca. Dopo la decisione della Corte costituzionale di dichiarare nulla l’abrogazione del divieto per le studentesse di indossare il velo islamico nelle università, il partito del premier ha ribaltato la situazione sostenendo che è stata l’alta corte a violare la costituzione. Mir Dengir Firat, vice-portavoce del partito ha accusato i giudici di interferire sul lavoro degli altri poteri dello stato:

“La Corte costituzionale ha violato la costituzione respingendo una riforma voluta dal governo. La Corte può solo statuire sull’esame delle procedure per le leggi parlamentari e non può intervenire sui contenuti”.

La sentenza della Corte potrebbe avere un impatto diretto sul governo, perché il rischio di chiusura per ordine dei giudici del partito di ispirazione islamica Giustizia e sviluppo AKP appunto, si fa più concreto.

Ieri il premier Erdogan ha rinunciato a partire per la Svizzera per assistere al debutto della Turchia agli Europei di calcio. L’esecutivo, per il momento smentisce che ci sia in ballo la possibilità di elezioni anticipate.