ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Irlanda mette a rischio il nuovo Trattato europeo

Lettura in corso:

L'Irlanda mette a rischio il nuovo Trattato europeo

Dimensioni di testo Aa Aa

A meno di una settimana dal referendum sul Trattato europeo di Lisbona, in Irlanda, per la prima volta, il partito del no supera il partito del sì, almeno stando all’ultimo sondaggio. Il 35% degli elettori è intenzionato a respingere il testo. Gli aventi diritto decisi a votare a favore sarebbero il 30%. In mezzo gli incerti e un 7% circa di astensionisti.

L’Irlanda è l’unico paese dell’Unione ad aver organizzato un referendum, gli altri hanno scelto la ratifica parlamentare, già avvenuta in 14 Stati.

Siccome la normativa europea prevede l’unanimità, dal sì irlandese dipende il futuro del testo. Secondo i sostenitori del no, Dublino corre il rischio di perdere il controllo nazionale in tema di fisco, commercio o certi temi sociali, quali l’aborto.

Già nel 2001, gli irlandesi avevano respinto un Trattato europeo, quello di Nizza. Un anno più tardi una nuova consultazione aveva ribaltato il risultato.