ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"No" della Corte costituzionale turca a velo in atenei

Lettura in corso:

"No" della Corte costituzionale turca a velo in atenei

Dimensioni di testo Aa Aa

Niente velo per le studentesse turche all’università. La Corte Costituzionale turca ha deciso che l’abrogazione del divieto din indossare il velo islamico promulgata a febbraio dal partito di governo AKP è incostituzionale. A sollevare la questione era stata l’opposizione, che aveva chiamato in causa il rischio di minare la laicità dello Stato turco.

La decisione getta benzina sul fuoco nell’arena politica turca, dove già il partito di governo del premier Recep Tayyip Erdogan rischia la chiusura e l’interdizione di una settantina di suoi membri. Il presidente turco Abdullah Gül ha parlato da Tokyo, dove si trova in visita ufficiale: “Il dibattito su come gestire il Paese – ha detto – può essere acceso di tanto in tanto. Penso però che sia normale, poiché siamo una società aperta e democratica. Credo che la Turchia supererà queste divisioni”.

La reazioni di alcune studentesse di Istanbul sono contrastanti: “Credo che persone come noi dovrebbero continuare a studiare – dice una. Alla fine, c‘è bisogno di persone come noi. Chi è di vedute ristrette, chi è contrario al velo, non dovrebbe studiare all’università e avere successo”. “Non credo che ci sia spazio per il velo all’università – ribatte un’altra studentessa. Sinceramente, lo dico perché credo che venga usato come simbolo politico. Non si tratta di libertà religiosa. Perciò, da studentessa di legge, non voglio che sia consentito all’università”.

Per la Turchia si tratta di un tema assai caldo, soprattutto se si considera che circa l’80 per cento dei cittadini non è contrario all’utilizzo dei velo negli atenei.