ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nella giornata dell'ambiente l'Onu redige una guida per ridurre le emissioni

Lettura in corso:

Nella giornata dell'ambiente l'Onu redige una guida per ridurre le emissioni

Dimensioni di testo Aa Aa

“Cambia abitudini! Verso un’economia a basse emissioni di carbonio”. È la parola d’ordine di quest’anno alla giornata mondiale dell’ambiente. L’Onu incita i paesi ricchi a ridurre della metà le emissioni di CO2 e in una guida pubblicata per l’occasione fa un elenco delle misure da prendere a questo scopo. Servirsi dei trasporti pubblici anziché dell’auto è solo la più nota di queste misure.

Meno noto è invece che se tutti riducessero il peso dei bagagli in aereo a meno di 20 chili, si risparmierebbero 2 milioni di tonnellate di anidride carbonica all’anno.

Dopo aver puntato sugli stati e le organizzazioni, le Nazioni unite si rivolgono ora agli individui per convincerli a ridurre il loro impatto ambientale, in modo semplice e non troppo doloroso.

Per esempio, una sveglia meccanica consuma 48 grammi di CO2 al giorno in meno di una elettrica. Stesso vantaggio per lo spazzolino manuale rispetto a quello elettrico. 45 minuti di jogging al parco significano un chilo di emissioni in meno che su un tapis-roulant, mentre se anziché usare l’asciugatrice, il bucato lo si stende, si risparmiano 2,3 chili di anidride carbonica.

E poi c‘è chi aguzza l’ingegno per trovare soluzioni inedite, come ha fatto quest’australiano.

Sean Wright filtra l’olio vegetale usato per poi riciclarlo come carburante per la sua auto, in modo gratuito e riducendo le emissioni dell’80-90 per cento rispetto al diesel: “È più economico: ottengo l’olio vegetale dai ristoranti, che non lo vogliono e quindi me lo danno gratis. Bisogna lavorare molto per filtrarlo, e anche per la conversione del veicolo, ma ne vale la pena per diverse ragioni, una delle quali è indubbiamente la questione ambientale”.

La Nuova Zelanda, forte delle sue centrali geotermiche, prende queste cose molto sul serio. Il paese ospite di questa giornata dell’ambiente sta facendo a gara con altri tre paesi per diventare il primo stato a zero emissioni di gas serra.