ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Berlusconi rinuncia al reato di immigrazione clandestina

Lettura in corso:

Berlusconi rinuncia al reato di immigrazione clandestina

Dimensioni di testo Aa Aa

Silvio Berlusconi fa marcia indietro sulla creazione del reato di immigrazione clandestina. Dopo le critiche da parte dell’Onu e del Vaticano, il capo del governo italiano ha proposto di cambiare il codice penale in maniera da colpire più duramente solo gli immigrati clandestini che delinquono. Berlusconi ha anche affermato il suo appoggio al giro di vite europeo contro l’immigrazione clandestina proposto dalla Francia.

“La mia personale visione è che non si possa pensare di perseguire qualcuno per il fatto di una permanenza non regolare nel nostro Paese, arrivando a condannarlo per questo reato con una pena – ha detto il premier -. Penso invece che questa situazione di clandestinità possa essere un’aggravante”.

Anche togliendo il carcere agli extracomuntari clandestini, il progetto di legge non piace ai rom. Manifestazioni ieri si sono tenute di fronte alle ambasciate italiane in Romania e in Spagna dove i rappresentanti della minoranza etnica hanno consegnato lettere destinate alle autorità di Roma.