ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Maxi processo contro gli uomini della polizia segreta di Pinochet

Lettura in corso:

Maxi processo contro gli uomini della polizia segreta di Pinochet

Dimensioni di testo Aa Aa

La magistratura cilena ha ordinato l’arresto di quasi 100 persone, fra ex militari e agenti della polizia segreta di Augusto Pinochet.

Sono accusati di avere rapito e assassinato decine di persone nell’ambito della cosiddetta Operazione Colombo: un’operazione realizzata nel 1975 in cui vennero fatti sparire 119 dissidenti.

Boris Paredes, avvocato del programma dei diritti umani del ministero dell’interno: “Lo stato intero era responsabile di questi crimini orrendi e per questo perseguiremo i responsabili fino all’ultimo”.

Tra gli imputati, c‘è anche l’ex generale Manuel Contreras, che fu capo indiscusso della Dina, la polizia politica di Pinochet. Durante la dittatura in Cile, almeno 3 mila persone morirono o vennero fatte scomparire nel nulla, 28 mila furono torturate. Enrique Barba, avvocato difensore minimizza: “Sembra esagerato,l’accusa non considera istituzioni fondamentali come l’amnistia e la prescrizione. Applica trattati internazionali che non sono validi in questo paese”.

Da oltre 10 anni la giustizia cerca di fare luce sulle responsabilità del regime. Due anni fa venne eletta presidente Michelle Bachelet, che visse in prima persona la prigionia, la tortura e l’esilio.