ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Via libera ai negoziati per un nuova partnership tra Russia e Ue

Lettura in corso:

Via libera ai negoziati per un nuova partnership tra Russia e Ue

Dimensioni di testo Aa Aa

I ministri degli esteri europei danno il via libera all’apertura di negoziati con Mosca per un nuovo partenariato strategico. La luce verde si accende dopo diciotto mesi in cui il dossier era rimasto bloccato, a causa dei veti di Polonia e poi Lituania.

Le trattative potrebbero essere lanciate in occasione del prossimo vertice tra l’Unione e la Russia, che si terrà in Siberia a fine giugno e a cui parteciperà, per la prima volta, Dmitri Medviedev, successore di Putin a capo del Cremlino.

Il nuovo accordo, che potrebbe entrare in vigore al più presto entro la fine del 2010, rimpiazzerà quello sottoscritto nel ’97, in una situazione geopolitica ben diversa da quella attuale. L’Unione si è ora allargata a ventisette stati membri e condivide una parte dei suoi confini con la Russia, che è ritornata ad essere una grande potenza mondiale. Ma la strada si annuncia in salita, così come lo è stata fino a questo momento.

Basti pensare che per quasi due anni il governo di Varsavia ha impedito l’apertura di un negoziato con Mosca, come ritorsione all’embargo russo sulla carne polacca. E quando la Polonia ha tolto il suo veto, a marzo, è stata la Lituania a mettersi di traverso, preoccupata per l’interruzione delle forniture russe di petrolio alla sua unica raffineria.

Il nuovo accordo verterà su commercio, diritti umani, cooperazione politica ed energia. Proprio il dossier energetico si annuncia come uno dei più difficili, a causa della dipendenza europea dagli idrocarburi russi e dalla tentazione di Mosca di utilizzare l’energia come uno strumento geopolitico.