ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La protesta dei pescatori rischia di oltrepassare i confini della Francia e diventare un affare europeo

Lettura in corso:

La protesta dei pescatori rischia di oltrepassare i confini della Francia e diventare un affare europeo

Dimensioni di testo Aa Aa

Contro il rincaro del gasolio hanno manifestato i pescatori belgi e francesi e sono state annunciate proteste in altri Paesi.

A Boulogne-Sur-Mer, nel nord della Francia, una quarantina di pescherecci schierati all’uscita del porto hanno rallentato il traffico dei mercantili. A Dunkerque i manifestanti hanno bloccato la raffineria della Total.

Il ministro francese della pesca, Michel Barnier, è stato a Rennes per rassicurare i rappresentanti dei pescatori che rifiutano di pagare il carburante più di 40 centesimi al litro, attualmente è a 75 centesimi. Barnier ha anche difeso il pacchetto di aiuti di 40 milioni di euro che il governo francese intende concedere entro il 15 giugno. Le misure sono al vaglio della Commissione Europea.

Proteste anche in Belgio: a Zeebrugge, principale porto del Paese, i pescatori hanno regalato pesce fresco. I manifestanti hanno avvertito che passeranno ad azioni più forti, come in Francia, se le loro rivendicazioni non saranno prese in considerazione. I pescatori spagnoli e portoghesi hanno fissato manifestazioni per venerdì prossimo.