ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Una settimana di passione per il prezzo del petrolio

Lettura in corso:

Una settimana di passione per il prezzo del petrolio

Dimensioni di testo Aa Aa

Al termine di una settimana di passione il prezzo del petrolio segna una pausa nella corsa al rialzo. Ma non è il caso di farsi delle illusioni, la corsa al rialzo è destinata a proseguire almeno fino a 150 dollari il barile entro la fine del 2008.

Nel 2007 i paesi aderenti all’Opec, il cartello dei principali paesi produttori di oro nero, hanno incassato 450 miliardi di euro il che significa 52 milioni di euro all’ora. Un guadagno forte certo, ma basso rispetto alla spesa mondiale di energia petrolifera: 1600 miliardi di euro nel 22007 pari a 180 milioni all’ora.

Come sempre il presidente del Venezuela Hugo Chavez ha la ricetta a portata di mano

“Se la prendono con noi perchè il prezzo è troppo alto, ma sono loro che devono essere condannati : per il loro modo di gettare dalla finestra tutti questi beni di consumo. Non è l’Opec che devono demonizzare. Vogliono mettere il mondo intero contro l’Opec”

Sta di fatto che nel giro di neppure un anno e mezzo il barile dle petrolio ha fatto un balzo del 60%, cui si aggiunge il rialzo delle principali materie prime.

Una situazione che ha profonde ripercussioni per gli automobilisti. Sulle due rive dell’Atlantico ogni giorno che passa fare il pieno, diesel o benzina, è diventato sempre piu’ caro. E per fortuna che il dollaro è debole