ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Myanmar. La giunta dice sì all'ingresso dei cooperanti del sud-est asiatico

Lettura in corso:

Myanmar. La giunta dice sì all'ingresso dei cooperanti del sud-est asiatico

Dimensioni di testo Aa Aa

Un sacco di riso, una tanica per l’acqua e un pezzo di plastica da trasformare in riparo di fortuna. Ecco la dotazione ai sinistrati del Myanmar. Ma la situazione potrebbe migliorare, perché, secondo l’ASEAN, l’ex Birmania ha dato il via libera all’ingresso dei cooperanti del sud-est asiatico nel paese devastato dal ciclone Nargis.

E’ il primo risultato degli intensi contatti diplomatici in corso e che culmineranno, mercoledì, con l’arrivo sul posto del segretario generale dell’ONU Ban ki-moon. Il fatto che il generale Than Shwe, il capo della giunta, sia apparso fra i rifugiati è stato interpretato come un primo segnale di apertura da parte del regime militare che ha fatto della segretezza uno dei suoi principi guida.

Col raccolto di riso ormai distrutto dalla pioggia i due milioni e mezzo di superstiti sono in condizioni drammatiche. I più esposti sono i bambini e gli anziani. Secondo l’associazione umanitaria Save the Children diverse migliaia di bambini di meno di 5 anni rischiano di morire nelle prossime settimane. Il passaggio di Nargis ha già provocato almeno 134mila morti.