ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lutto nazionale in Cina per vittime terremoto

Lettura in corso:

Lutto nazionale in Cina per vittime terremoto

Dimensioni di testo Aa Aa

Tre minuti di silenzio. Tre giorni di lutto nazionale. A una settimana dal sisma, la Cina si è fermata oggi a partire dello stesso istante in cui la terra ha iniziato a tremare, lunedì scorso. Sarebbero oltre 34.000, secondo un bilancio ufficiale, le persone uccise dal terremoto. Si tratta però solo di una stima provvisoria. Tra morti e dispersi, nella provincia del Sichuan, epicentro del sisma, le autorità parlano di circa 71.000 vittime. Tra i sopravvissuti, la disperazione di chi ha perso tutto: “E’ insostenibile – dice uno di loro. E’ insostenibile. Ho perso così tanti parenti”.

A iniziare da Chengdu, tutta la Cina si è fermata, con le bandiere a mezz’asta, compresa quella di Piazza Tienammen. E a Pechino, anche le autorità cinesi, dal Presidente Hu Jintao al premier Wen Jiabao, hanno ricordato le vittime con una cerimonia ufficiale. E’ la prima volta che un omaggio ufficiale viene reso alle vittime di una catastrofe naturale in Cina. Fino a giovedì, si fermano gli spettacoli, cinema, karaoke, così come il percorso della torcia olimpica.