ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Interpol conferma: autentici i documenti relativi a rapporti tra Venezuela e Farc

Lettura in corso:

L'Interpol conferma: autentici i documenti relativi a rapporti tra Venezuela e Farc

Dimensioni di testo Aa Aa

La Colombia ha messo a segno un colpo importante a sostegno delle sue tesi sulle relazioni fra il presidente venezuelano Hugo Chavez e le Farc. Secondo l’Interpol il materiale diffuso dal governo di Bogotà sarebbe autentico e rinconducibile al “numero due” delle Forze armate rivoluzionarie colombiane, Raul Reyes.

Secondo i dati estrapolati da alcuni computer, sequestrati circa due mesi fa in una base della guerriglia in Ecuador, si deduce che le Farc avrebbero relazioni politiche, economiche e militari con il Venezuela. Chavez aveva sempre respinto la validità del materiale rinvenuto: messaggi di posta elettronica, siti internet, documenti, immagini.

Durante una conferenza stampa il segretario generale dell’Interpol, Ronald Kenneth Noble, ha invece confermato l’autenticità dei documenti, aggiungendo che il ruolo dell’agenzia
internazionale di polizia non ha nulla a che fare con il contenuto.

Da Caracas non si fa attendere la risposta del presidente venezuelano: “e’ una vera pagliacciata, una vergogna, tuona Chavez, fa parte di uno squallido show mediatico costruito ad hoc dal governo colombiano, mi fanno pena”.

Chavez ha bollato i responsabili dell’Interpol come dei poliziotti yankee, servi del potere americano. Io
mi preoccupo di cose serie come la fame, l’energia, ma mi rendo conto che c`è anche il mondo degli show”.

Di fronte all’atteggiamento della Colombia, Chavez ha deciso di rivedere le relazioni politico-economiche con Bogotà per non subire ulteriori aggressioni.

Intanto dal presidente colombiano Uribe è arrivato l’ennesimo appello alle Farc per la liberazione di Ingrid Betancourt e di tutti gli ostaggi ancora nelle loro mani.