ULTIM'ORA

Lettura in corso:

L'ultimo saluto alla Guardia civil uccisa


Spagna

L'ultimo saluto alla Guardia civil uccisa

La Spagna ha risposto col silenzio all’attentato di ieri contro una guardia civil nella città basca di Legutiano. Ai funerali di Juan Manuel Pinuel, 41 anni, padre di un bambino, hanno partecipato le massime autorità dello Stato. E i cittadini hanno osservato 5 minuti di raccoglimento in segno di lutto e di condanna del nuovo attacco non rivendicato, ma unanimemente attribuito all’Eta, l’organizzazione separatista basca.

Secondo i media spagnoli, l’Eta ha ricostituito la sua infrastruttura terroristica dopo la rottura della tregua, nel giugno scorso, che, proclamata nel duemilasei aveva dato al Paese la speranza di una riconciliazione.

L’inchiesta sull’attentato ha appurato che l’autobomba esplosa davanti alla caserma della Guardia civil era stata rubata il mese scorso in Francia. Sospettati dell’attacco sono i baschi Jurdan Martitegi e Arkaitz Goikoetxea, appartenenti al commando Vizcaya, uno dei più attivi dalla fine della tregua. Nell’azione sono rimasti feriti altri quattro agenti, uno in modo grave.
L’ultimo attentato mortale in ordine di tempo era avvenuto il 7 marzo scorso, a Mondragon, dove aveva trovato la morte un ex consigliere socialista.

Storie correlate:

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Myanmar, prime testimonianze dagli alluvionati