ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Libano, torna la calma a Beirut ma a Tripoli si combatte ancora

Lettura in corso:

Libano, torna la calma a Beirut ma a Tripoli si combatte ancora

Dimensioni di testo Aa Aa

Violenti combattimenti e circa sette mila persone in fuga da Tripoli, nel nord del Libano. Gli scontri tra sostenitori della maggioranza governativa e dell’opposizione vicina Hezbollah nelle ultime ore hanno subito una pesante escalation. Già ieri 14 morti erano rimasti sull’asfalto.

I combattimenti si sono concentrati nei quartieri a nord di Tripoli. Colpi d’arma da fuoco ed esplosioni nel centro della città hanno riacceso la tensione, proprio mentre si preannunciava il ritorno alla calma nella capitale del Libano: Hezbollah, dopo i violenti scontri di Beiruth, ieri ha sottoscritto con il governo un accordo, siglando una cosiddetta “pace civile”.

L’esercito si è impegnato a non rimuovere il responsabile della sicurezza dell’aeroporto di Beirut, accusato di consentire nello scalo la presenza di una presunta rete di intelligence, gestita da Hezbollah. Nelle strade della capitale è proseguito, dopo quattro giorni di assedio, il ritiro delle milizie del “partito di dio” (questo il significato del termine arabo “Hezbollah”).
Sul terreno sono rimasti 34 morti per gli scontri dei giorni scorsi.