ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Hezbollah tiene Beirut ovest. La crisi libanese preoccupa la comunità internazionale

Lettura in corso:

Hezbollah tiene Beirut ovest. La crisi libanese preoccupa la comunità internazionale

Dimensioni di testo Aa Aa

I quartieri di Beirut ovest sono saldamente in mano a Hezbollah, dopo tre giorni di scontri che hanno provocato una ventina di morti. L’inquietudine serpeggia nella comunità internazionale, dopo quello che il governo libanese ha definito: un colpo di stato.

L’Egitto e l’Arabia Saudita, principali alleati dell’esecutivo sunnita libanese, hanno chiesto una riunione d’urgenza dei ministri degli esteri della Lega Araba. Le Nazioni Unite e l’Unione Europea hanno lanciato un appello alla calma. L’Italia si sta attivando per cercare di sbloccare la situazione. Gli Stati Uniti hanno ribadito il loro pieno appoggio al capo del governo Fuad Siniora, accusando la Siria e l’Iran di manovrare dietro le quinte, accuse respinte al mittente da parte di Damasco e Teheran.

Intanto, gli stranieri hanno già cominciato a lasciare il Libano. Il paese dei cedri non viveva un momento di così grave tensione dagli anni della guerra civile conclusasi nel ’90, dopo 15 anni. A scatenare il conflitto è stata la decisione dell’esecutivo di smantellare la rete delle telecomunicazioni militari di Hezbollah.E il palazzo presidenziale continua ad essere presidiato ma vuoto: il posto di capo dello stato è vacante da novembre.