ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

In marcia il processo di ratifica del trattato di Lisbona

Lettura in corso:

In marcia il processo di ratifica del trattato di Lisbona

Dimensioni di testo Aa Aa

Il processo di ratifica del trattato di Lisbona è in marcia.

Giovedì dovrebbe toccare alla Francia.

Dopo la modifica della Costituzione dopo l’esame e l’approvazione mercoledì del Consiglio dei Ministri, sarà la volta dell’Assemblea e del Senato.

Il voto dovrebbe concludersi entro giovedì e sull’esito non ci sono dubbi.

Come annuciato dal presidente Sarkozy, la Francia sarà uno dei primi paesi a ratificare il Trattato.

Più precisamente: arriva in quinta posizione dopo Ungheria, Slovenia, Malta e Romania.

Gli Stati membri hanno scelto la via parlamentare per dare l’okay definitivo al trattato.
Unica eccezione è rappresentata dall’Irlanda, che procederà attraverso il referendum.

Malgrado l’impegno annunciato da Bratislava, la ratifica resta ostaggio di beghe interne in Slovacchia. L’opposizione minaccia l’astensione, perché scontenta di una legge sulla stampa.

Il premier Robert Fico ha bisogno di almeno cinque voti favorevoli della minoranza per portare in porto la ratifica.

Se non ci saranno intoppi sulla tabella di marcia il trattato dovrebbe entrare in vigore nel gennaio del 2009.