ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ballottaggio in Serbia: un referendum sull'Europa

Lettura in corso:

Ballottaggio in Serbia: un referendum sull'Europa

Dimensioni di testo Aa Aa

Un referendum pro o contro l’Europa. Si profila in questi termini il ballottaggio per le elezioni presidenziali serbe.Il capo dello Stato uscente, Boris Tadic, è infatti un convinto sostenitore dell’ingresso della Serbia nell’Unione europea. Il suo avversario, l’ultranazionalista Tomislav Nicolic, si trova invece molto più a suo agio con Mosca piuttosto che Bruxelles.

Domenica prossima saranno dunque gli elettori serbi a scegliere. Nelle reazioni colte sulle vie di Belgrado, le spinte filoeuropee si mescolano con uno scetticismo di fondo.
“L’Europa ha bisogno di noi e noi abbiamo ancor più bisogno dell’Europa – dice un abitante della capitale -. Da 20 anni cerchiamo di avvicinarci, se continuiamo così rovineremo tutto, questo è chiaro”.

“Tutti fanno promesse – dice un’altra residente -, ma poi non le mantengono”.

Le chances dell’europeista Tadic hanno subito un colpo dopo che il primo ministro Kostunica gli ha negato l’appoggio. I sondaggi danno i due candidati più o meno alla pari, con un ampio margine di elettori ancora incerti.