ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Solo 400 osservatori internazionali alle elezioni russe del 2 marzo: la meta´di quanti del 2004

Lettura in corso:

Solo 400 osservatori internazionali alle elezioni russe del 2 marzo: la meta´di quanti del 2004

Dimensioni di testo Aa Aa

Alle elezioni presidenziali russe, il 2 marzo prossimo, gli osservatori internazionali saranno 400, la metà di quelli invitati nel 2004. Lo ha annunciato oggi la commissione elettorale centrale, nonostante le polemiche seguite alle elezioni legislative dell’anno scorso, quando l’ Osce aveva rinunciato a inviare i suoi funzionari perche’ invitati in ritardo dalle autorità di Mosca.

“Per gli osservatori stranieri, ha detto il presidente della commissione – non ci sarano limitazioni. Se rispetteranno le leggi della federazione russa potranno visitare tutti i seggi che vorranno”.

Dopo l’esclusione per eccesso di firme irregolari dell’ex premier liberale Mikhail Kasianov, a restare in lizza per la presidenza restano in 4.

Favorito Dmitri Medvedev, il delfino del presidente Vladimir Putin. Unico vero candidato d´opposizione, e secondo nei sondaggi, il comunista Guennadi Ziuganov. Non poteva certo mancare l´eterno candidato ultranazionalista Vladimir Zhirinovskij, astuto oppositore di facciata al Cremlino. Sconosciuto ai piu’, l’ultimo dei 4: Andrei Bogdanov, alla guida del partito democratico.