ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Kossovo, prove generali di indipendenza. La diplomazia internazionale al lavoro per definire lo statuto

Lettura in corso:

Kossovo, prove generali di indipendenza. La diplomazia internazionale al lavoro per definire lo statuto

 Kossovo, prove generali di indipendenza. La diplomazia internazionale al lavoro per definire lo statuto
Dimensioni di testo Aa Aa

“Vogliamo essere tra le prime nazioni a riconoscere l’indipendenza del Kossovo”. Lo ha detto oggi al parlamento di Pristina, capitale della regione serba a maggioranza albanese, il presidente dell’Albania, Bamir Topi. Una dichiarazione sintomatica, che segue in parallelo la visita del premier kossovaro Tachi, da mercoledi’ a Bruxelles, dove oggi ha incontrato il segretario generale della Nato, de Hoop Scheffer.

Proprio su Bruxelles le autorità del Kossovo contano per il riconoscimento dell’annunciata indipendenza, osteggiata da Serbia e Russia ma appoggiata anche dagli Stati Uniti. La proclamazione potrebbe avvenire tra giorni, forse appena dopo il 3 febbraio, giorno dell’elezione del presidente serbo.

Il Kossovo conta 2 milioni di abitanti, il 90% dei quali è di origine albanese. Dal 1999 la regione è sotto il controllo della Nato. L’Unione Europea si appresta ora a inviare una forza di polizia con 1.800 uomini.