ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Kossovo, prove generali di indipendenza. La diplomazia internazionale al lavoro per definire lo statuto

Lettura in corso:

Kossovo, prove generali di indipendenza. La diplomazia internazionale al lavoro per definire lo statuto

Dimensioni di testo Aa Aa

“Vogliamo essere tra le prime nazioni a riconoscere l’indipendenza del Kossovo”. Lo ha detto oggi al parlamento di Pristina, capitale della regione serba a maggioranza albanese, il presidente dell’Albania, Bamir Topi. Una dichiarazione sintomatica, che segue in parallelo la visita del premier kossovaro Tachi, da mercoledi’ a Bruxelles, dove oggi ha incontrato il segretario generale della Nato, de Hoop Scheffer.

Proprio su Bruxelles le autorità del Kossovo contano per il riconoscimento dell’annunciata indipendenza, osteggiata da Serbia e Russia ma appoggiata anche dagli Stati Uniti. La proclamazione potrebbe avvenire tra giorni, forse appena dopo il 3 febbraio, giorno dell’elezione del presidente serbo.

Il Kossovo conta 2 milioni di abitanti, il 90% dei quali è di origine albanese. Dal 1999 la regione è sotto il controllo della Nato. L’Unione Europea si appresta ora a inviare una forza di polizia con 1.800 uomini.