ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Italia in bilico fino a martedi', ora la crisi è nelle mani di Napolitano. Prodi: "Torno a fare il nonno".

Lettura in corso:

Italia in bilico fino a martedi', ora la crisi è nelle mani di Napolitano. Prodi: "Torno a fare il nonno".

Dimensioni di testo Aa Aa

Governo o elezioni anticipate? La parola a Napolitano. Sono cominciate nel pomeriggio le consultazioni al Quirinale. Dal capo dello Stato il presidente del Senato Marini e quello della Camera Bertinotti.

I colloqui con i vari leader proseguiranno fino a martedi’, mentre i partiti principali esprimono chiaramente la loro posizione. Renato Schifani, Forza Italia, dice che il tempo per le mediazioni sulla legge elettorale è scaduto: “Se ci fosse stata la volontà di un accordo lo si sarebbe fatto in poche settimane”.

Di diverso avviso Dario Franceschini, del Partito Democratico, che boccia l’idea di andare subito alle urne come frutto della volontà di alcune forze politiche di accaparrarsi poltrone, piu’ che di lavorare nell’interesse del paese.

Lo stesso presidente Napolitano ha espresso la sua contrarietà al voto con l’attuale legge elettorale, la cui riforma è una priorità riconosciuta dai partiti maggiori dell’arco parlamentare. E oggi è arrivato anche l’avallo di Confindustria, che per bocca di Montezemolo ha caldeggiato un esecutivo di transizione in vista di una riforma elettorale che dia stabilità al paese.

Il Quirinale, dunque, tenterà il possibile per formare un nuovo esecutivo, con o senza Prodi. Il professore, uscendo nel pomeriggio dal vertice del Pd, ha detto che non farà il premier per un governo istituzionale. Ma forse Prodi ha ancora degli amici, che lo sostengono per scelta o per necessità.