ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Giornata cruciale per il governo italiano, la seduta al Senato nel pomeriggio

Lettura in corso:

Giornata cruciale per il governo italiano, la seduta al Senato nel pomeriggio

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ il giorno della verità per il futuro del governo italiano. Dopo aver ottenuto la fiducia alla Camera, Romano Prodi sembra intenzionato ad affrontare il voto del Senato. E’ quanto è trapelato nella tarda serata di ieri. In ogni caso Prodi, che non ha comunicato ufficialmente la sua decisione, si recherà prima dal Capo dello Stato, Giorgio Napolitano.

Chi è sicuro sul da farsi è il leader della Lega Umberto Bossi: “O si va al voto o facciamo la rivoluzione, insomma una lotta di liberazione. Mettiamo la polizia lombarda in Lombardia, veneta in Veneto, piemontese in Piemonte. Ci mancano un po’ di armi, ma le troveremo”.

Nella notte sono proseguite le consultazioni per avere un ultimo, esatto, quadro dei numeri. E nella maggioranza c‘è chi spera ancora, come il ministro per la Pari Opportunità Barbara Pollastrini: “Intanto c‘è stato questo voto alla Camera, che è un voto che ha il suo peso. Stiamo valutando”.

La seduta a Palazzo Madama è prevista nel pomeriggio. L’Udeur e i Liberaldemocratici di Lamberto Dini (con l’esclusione di Natale D’Amico) hanno annunciato il voto contrario. Se così fosse e salvo assenze e astensioni dell’ultima ora, il governo andrebbe sotto, aprendo la strada a varie ipotesi: Prodi bis, esecutivo istituzionale o tecnico, elezioni.