ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Borse in rialzo, ma la crisi c'è ancora

Lettura in corso:

Borse in rialzo, ma la crisi c'è ancora

Dimensioni di testo Aa Aa

Le Borse invertono la rotta, ma la crisi non è finita. La decisione della Federal Reserve di abbassare il “prime rate” ha limitato i danni a Wall Street, che dopo un avvio da paura ha chiuso con un calo di solo l’1 per cento. Contemporaneamente, il presidente George Bush cerca il consenso del Congresso sul suo piano di rilancio dell’economia. Un piano da 140 miliardi di dollari a cui i mercati hanno risposto col crollo del “lunedì nero”.

I listini europei sono tornati martedì abbondantemente in territorio positivo, tranne Francoforte. Qui, i trader giudicano negativamente il provvedimento della Fed: “Dimostra a quale livello di disperazione sono arrivati, perché evidentemente pensano che la situazione sia davvero drammatica. Abbiamo un problema strutturale, che cosa si risolve abbassando i tassi di 3/4 di punto? E’ solo una goccia d’acqua nell’oceano”.

La reazione positiva delle Borse europee dopo il crollo di lunedì darebbe ragione a chi sostiene che i buoni “fondamentali” economici consentiranno al “Vecchio continente” di resistere alla recessione americana. Più preoccupati i mercati asiatici, i cui stretti rapporti commerciali con gli Stati Uniti porteranno inevitabilmente delle conseguenze negative. Oggi, comunque, Honk Kong ha aperto con un forte rialzo e anche Shanghai mostra il segno positivo.