ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Bobbies in piazza per chiedere aumenti di stipendio. Il governo rifiuta il dialogo.

Lettura in corso:

Bobbies in piazza per chiedere aumenti di stipendio. Il governo rifiuta il dialogo.

 Bobbies in piazza per chiedere aumenti di stipendio. Il governo rifiuta il dialogo.
Dimensioni di testo Aa Aa

Sono circa 20.000 i poliziotti di Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord che hanno sfilato oggi per la strade di Londra. I “bobbies” chiedono al governo di rispettare gli impegni presi sugli aumenti salariali. Fissati al 2.5%, gli adeguamenti di stipendio verranno calcolati a partire dal primo dicembre scorso e non da settembre come aveva promesso il governo.

“Per i loro diritti – spiega questo agente – i poliziotti non possono scioperare, ma solo scendere in piazza. Non vogliamo danneggiare i cittadini, ma non e’ giusto”. “Stiamo manifestando nel nostro giorno libero – spiega una delegata del sindacato – questo dimostra quanto siamo delusi da un governo che non mantiene le promesse”.

Ma l’esecutivo risponde picche. “La misura serve a tenere a freno la spesa pubblica” ha detto il ministro dell’interno, e a nulla e’ servita la sentenza di un tribunale arbitrale che ha dato ragione agli agenti. Al termine della manifestazione, i poliziotti hanno consegnato una petizione al numero 10 di Downing Street. Ad accoglierli, pero’, non c’era il premier Gordon Brown.