ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gaza, manifestanti palestinesi feriti al confine con l'Egitto

Lettura in corso:

Gaza, manifestanti palestinesi feriti al confine con l'Egitto

Dimensioni di testo Aa Aa

L’allentamento dell’embargo a Gaza, con l’arrivo di una fornitura di carburante, non significa la fine dei problemi della popolazione. Il valico di Rafah verso l’Egitto rimane sigillato e i cittadini non possono attraversarlo. Proprio alla frontiera, almeno 60 manifestanti palestinesi sono rimasti feriti durante scontri con la polizia egiziana, che ha fatto uso di idranti, manganelli e colpi d’arma da fuoco per respingere la folla.

Anche alcuni dimostranti avrebbero sparato. Al confine si sono ammassate centinaia di persone, tra cui molte donne, che tentavano di forzare il blocco e chiedevano all’Egitto di riaprire il confine. Molti gridavano slogan contro i paesi arabi, accusati di complicità con Israele nell’isolamento della Striscia di Gaza.

Il Presidente palestinese Mahmoud Abbas ha intanto definito insufficiente la decisione israeliana di consentire l’ingresso di carburante unicamente per rifornire la centrale elettrica e ha chiesto la riapertura dei valichi chiusi da giovedi’ scorso.

L’arrivo del combustibile consente la ripresa delle forniture di elettricità agli ospedali, che rischiavano la paralisi nei giorni scorsi. Il blocco economico e’ stato imposto da Israele in risposta al lancio di razzi palestinesi sulla città israeliana di Sderot, presa di mira anche questa mattina.

Oggi a New York il Consiglio di sicurezza dell’Onu, su richiesta degli ambasciatori arabi, discute della situazione a Gaza.