ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ballottaggio per le presidenziali in Serbia il 3 febbraio. Nikolic in vantaggio su Tadic al primo turno.

Lettura in corso:

Ballottaggio per le presidenziali in Serbia il 3 febbraio. Nikolic in vantaggio su Tadic al primo turno.

Dimensioni di testo Aa Aa

Continua la campagna per le elezioni presidenziali in Serbia dopo l’affermazione dell’ultranazionalista Tomislav Nikolic sul presidente uscente Boris Tadic. Il ballottaggio del 3 febbraio potrebbe ancora rovesciare il risultato visto che la distanza di voti tra i due e’ di soli 4 punti percentuali.

Il filo russo Nikolic si mostra ottimista, forte del 39,57% di consensi ottenuti al primo turno. Ma anche il liberale Tadic pensa di avere delle chances. Già nel 2004, battuto al primo turno, vinse al ballottaggio proprio contro Nikolic.

Al centro della campagna il Kosovo. I candidati, entrambi contrari all’indipendenza, guardano pero’ in due diverse direzioni: Nikolic verso Mosca, da sempre contraria alla secessione, Tadic verso l’ Unione Europea, disposta a riconoscere l’indipendenza della provincia.

Per Javier Solana, rappresentante per la politica estera dell’Unione “l’alta partecipazione alle elezioni di ieri dimostra, innanzitutto, l’interesse dei serbi a un risultato elettorale democratico. In secondo luogo – ha aggiunto – speriamo che venga fuori il sentimento di avvicinamento all’Europa”.

A spostare l’ago della bilancia, secondo la stampa locale, sarà il premier serbo Vojslav Kostunica. E a differenza delle scorse presidenziali stavolta il premier potrebbe optare per Nikolic.