ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Piano segreto di Belgrado contro l'indipendenza del Kosovo

Lettura in corso:

Piano segreto di Belgrado contro l'indipendenza del Kosovo

Dimensioni di testo Aa Aa

Piomba sulla campagna elettorale serba la notizia di un piano segreto del governo per reagire alla prossima dichiarazione d’indipendenza del Kosovo. Il piano messo a punto dall’esecutivo di Vojslav Kostunica prevederebbe il taglio dell’energia elettrica alla provincia, un embargo commerciale e il ritiro degli ambasciatori dai Paesi che riconosceranno il distacco del Kosovo dalla Serbia, tra i quali gli Stati Uniti e diversi Stati dell’Unione europea.
Pristina dovrebbe dichiarare l’indipendenza nelle prossime settimane, comunque dopo le elezioni serbe di domenica prossima.
Dell’impegno dell’Unione europea nel proteggere la provincia separatista hanno parlato il primo ministro kosovaro Hashim Thaci e il ministro degli esteri della Repubblica Ceca Karel Schwarzenberg.
“Non abbiamo alcun ostacolo alla nostra indipendenza – ha detto Thaci – essendo la volontà di due milioni di kosovari albanesi. Stiamo solo aspettando il riconoscimento della comunità internazionale”.
“Penso che l’Unione europea debba impegnarsi in Kosovo – ha detto Schwarzenberg -. Il Kosovo è in Europa ed è responsabilità dell’Europa impegnarsi”.
L’Unione ha già deciso di dispiegare in Kosovo una forza di polizia di 1800 uomini, in aggiunta ai militari dell’Onu. Il via finale all’operazione avverrà probabilmente dopo l’eventuale secondo turno delle elezioni serbe.