ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Domani Bush in israele

Lettura in corso:

Domani Bush in israele

Dimensioni di testo Aa Aa

Alla vigilia della visita di George Bush in Medio oriente, israeliani e palestinesi inviano al presidente americano almeno un messaggio congiunto: l’invito a volare basso. Il sogno della Casa Bianca di chiudere il mandato con il trofeo della pace si scontra con un dilagante scetticismo. “Promesse, promesse – dice questa donna, abbiamo visto venire presidenti, o siamo andati da loro, niente è cambiato”

“Se voleva fare qualcosa pe cambiare la situazione, lo avrebbe già fatto, – critica questa giovane – credo che Bush ora, a fine mandato, voglia lasciare un segno nella storia. Provare se ci riesce, se riesce a fare un miracolo all’ultimo minuto, venendo qui e mostrando la faccia, cercando di fare qualcosa” .

Anche a Gaza ci si prepara per la visita, non dispiegando bandiere ma organizzando una manifestazione di Hamas. Bush, l’amico di Israele, non potrà cambiare le cose, anche con la sua richiesta di smantellamento delle colonie illegali. “Se ne andrà a mani vuote, ne sono certo”, afferma quest’uomo.

Tra tanto pessimismo, una voce di speranza: Spero, dice quest’uomo, e prego Dio perchè durante questa visita i politici si uniscano nella ricerca della vera pace per la nostra gente, perchè ne abbiamo bisogno”. A Gaza, un negozio mette in vendita pupazzetti di George Bush, molti dei quali destinati a venire dati alle fiamme durante le proteste annunciate.