ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Kibaki pronto a un governo di unita´nazionale in Kenya, ma l´opposizione dice no.

Lettura in corso:

Kibaki pronto a un governo di unita´nazionale in Kenya, ma l´opposizione dice no.

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo una settimana di violenze e 350 morti, il presidente del Kenya, Mwai Kibaki, è “pronto” a formare un “governo di unità nazionale”. Lo ha comunicato al termine di un incontro, a Nairobi, con il sotto-segretario di Stato americano con delega agli affari africani, Jendayi Frazer. Ma l’opposizione, guidata da Raila Odinga, gli risponde picche e prima di qualsiasi soluzione negoziata con la mediazione internazionale chiede le sue dimissioni. Secondo il Movimento democratico arancione, Kibaki è un presidente illegale perché avrebbe truccato le elezioni del 27 dicembre scorso.

“Abbiamo ripetuto quello che avevamo già detto e Jendayi Frazer – ha dichiarato un esponente del partito di Odinga – e cioè che Mwai Kibaki deve dimettersi e ammettere che in questo paese c‘è un problema; noi siamo aperti al dialogo e chiari su quanto chiediamo”.

Nonostante nel Paese sia tornata la calma, in alcune bidonville di Nairobi si è verificato ancora qualche scontro.

Secondo le Nazioni Unite, sono 250.000 le persone costrette a lasciare le loro case. Circa 2000 quelle che hanno cercato rifugio in Uganda. L’Alto commissariato per i profughi si appresta a inviare aiuti urgenti.

Il presidente ghanese John Kufuor, capo dell’Unione africana, si recherà a Nairobi la prossima settimana, per incontrare Kibaki e Odinga e tentare di porre fine allo scontro fra le loro rispettive etnie, kykuiu e luo.