ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Natale per i serbi del Kosovo

Lettura in corso:

Il Natale per i serbi del Kosovo

Dimensioni di testo Aa Aa

I serbi del Kosovo, si preparano a festeggiare il Natale che, per gli ortodossi, è il 7 gennaio.
Agli uomini, il compito di procurarsi i rami d’albero che, una volta bruciati, la sera della vigilia servono a rendere piu’ caldo e accogliente l’arrivo di Gesu’.
I ragazzi cantano cori patriottici. Sono molto legati alla loro regione:

“Non importa cosa succederà, io restero’ qui. Difendero’ la mia casa – dice uno di loro – Spero che non sia il mio ultimo Natale qui.”
“Difenderemo il Kosovo con ogni mezzo – dichiara, fiero, un altro ragazzo – non voglio lasciare il Kosovo. Anche se molti lo faranno, io restero’ qui”.
Giovani serbi di Mitrovica, una città divisa in due da un ponte: a nord i serbi, a sud gli albanesi.

La provincia autonoma serba a maggioranza albanofona, dopo la guerra fra serbi e secessionisti, è dal 1999 sotto il controllo dell’Onu e della Nato.
Il 10 dicembre scorso è scaduto il periodo dei negoziati per carcare un compromesso fra le parti. I leader kosovari sembrano intenzionati a dichiarare unilateralmente l’indipendenza della provincia nella primavera del 2008.