ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il presidente Kibaki mostra segni d'apertura ma oggi l'opposizione potrebbe ritentare a manifestare

Lettura in corso:

Il presidente Kibaki mostra segni d'apertura ma oggi l'opposizione potrebbe ritentare a manifestare

Dimensioni di testo Aa Aa

L’opposizione kenyana ha rimandato a oggi la manifestazione che il presidente Mwai Kibaki è riuscito a impedire ieri. Dal canto suo, pressato dalle richieste di un riconteggio dei voti avanzate dalla comunità internazionale e dallo stesso procuratore generale del Kenya, il Capo dello stato ha dato segnali di apertura.

“Sono pronto ad avvire un dialogo con le parti non appena la nazione avrà ritrovato la calma e la tensione politica sarà diminuità abbastanza da permettere di prendere impegni costruttivi e producenti”, ha detto Kibaki.

Il leader dell’opposizione Raila Odinga non sembra raccogliere l’invito: “E’ impossibile credere a quel che stiamo vedendo. Può essere descritto solo come un genocidio su vasta scala. Ho visto tanti bambini morti”.

Odinga ha accompagnato i giornalisti in un obitorio.

Circa 350 persone sono morte negli scontri interetnici scoppiati a seguito delle elezioni del 27 dicembre. Anche il presidente Kibaki ha accusato le etnie avversarie di genocidio.

Ieri l’opposizione aveva tentato di dimostrare a Nairobi e in altre città contro i presunti brogli ma l’imponente schieramento delle forze di sicurezza ha convinto gli organizzatori a rimandare la prova di forza.

Ciò non ha impedito il verificarsi di violenze che nel corso della giornata sono costate la vita ad almeno nove persone.