ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Presidente keniota Kibabi accusa l'opposizione di pulizia etnica contro i kikuyo

Lettura in corso:

Il Presidente keniota Kibabi accusa l'opposizione di pulizia etnica contro i kikuyo

Dimensioni di testo Aa Aa

Fra accuse di pulizia etnica e incertezza politica, in Kenya le violenze non cessano. Otto le vittime durante la notte a Kisumu, sul Lago Vittoria, nell’Ovest del Paese. I corpi portavano i segni di colpi d’arma da fuoco secondo le fonti mediche locali.

Scontri e violenze si registrano anche a Mathare, baraccopoli ai margini della capitale Nairobi. Una situazione che tuttavia, secondo le autorità locali va verso un sensibile miglioramento, rispetto alle oltre 50 vittime di martedì notte e le altrettante di lunedì, soltanto nella zona di Kisumu.

Le ultime vittime portano ad oltre 300 il numero dei morti da quando, dopo le contestate elezioni presidenziali del 27 dicembre, sono iniziati gli scontri. Il Presidente dell’Unione Africana John Kufuor tenterà di avviare una trattativa per portare al dialogo Mwai Kibaki, rieletto Presidente, e lo sfidante Raila Odinga, che non riconosce la sconfitta.

Impresa non facile visto che il conflitto sembra scivolare da politico ad etnico. Il Presidente Kibaki ha accusato Odinga di incoraggiare la pulizia etnica contro i kikuyo.

Ieri a Eldoret, nell’Ovest del Paese, almeno 50 persone sono rimaste carbonizzate nell’incendio appiccato in una chiesa cristiana. Secondo alcune fonti le vittime sarebbero tutte kikuyo, etnia maggioritaria nel Paese africano e che detiene il potere sin dall’indipendenza.