ULTIM'ORA

Lettura in corso:

La crisi in Pakistan: è braccio di ferro sulla data delle elezioni


mondo

La crisi in Pakistan: è braccio di ferro sulla data delle elezioni

Oggi si decide sulle elezioni dell’8 gennaio. Dopo la morte di Benazir Bhutto sembra sempre piu’ probabile uno slittamento del voto nonostante la decisione presa ieri dal Partito del Popolo di non boicottare le elezioni legislative.

Intanto alla guida del Ppp, la formazione politica della Bhutto, c‘è stato il cambio di testimone: il nuovo leader ora è Bilawal il figlio diciannovenne della ex premier uccisa: accanto al padre, co-presidente del partito, Bilawal ha promesso che la missione di Benazir Bhutto sarà portata avanti con lo stesso spirito e la stessa forza. “Mia madre, ha concluso Bilawal, ha sempre detto che la democrazia è la miglior vendetta”.

La notizia della nomina di Bilawal è arrivata a pochissime ore dall’annuncio della Lega musulmana, il partito del presidente pakistano Musharraf, di sospendere la campagna elettorale

Nel paese è stata un’altra giornata di caos. Ancora scontri nelle strade e scene di disperazione mentre sale il numero delle vittime delle violenze di questi giorni: una cinquantina i morti.

E in ricorda della carismatica leader dell’opposizione ieri migliaia di persone si sono radunate intorno alla residenza dei Bhutto, a Naudero.

Storie correlate:

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Chi sono Asif e Bilawal Zardari