ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Disordini in Kenya dopo elezioni: centinaia i morti

Lettura in corso:

Disordini in Kenya dopo elezioni: centinaia i morti

Dimensioni di testo Aa Aa

Restano inascoltati in Kenya gli appelli internazionali alla calma e a placare la violenza mortale in Kenya. Il Paese rimane nel caos, dopo la diffusione dei risultati del voto presidenziale di giovedì scorso. La vittoria del Presidente uscente Mwai Kibaki ha scatenato un’ondata di disordini che, secondo alcune stime, avrebbero già causato più di cento morti.

Il successo di Kibaki, che ha conquistato il suo secondo mandato, è fortemente contestato dagli oppositori. Duri scontri con le forze dell’ordine si sono sviluppati in tutto il Paese. Il principale rivale, Raila Odinga, favorito alla vigilia della consultazione, ha denunciato brogli e ha invitato i sostenitori a un’azione di massa pacifica: “La democrazia costa ha detto Odinga. Noi siamo pronti a pagare il prezzo per liberare questo Paese dalla cospirazione di questi dittatori che non hanno rispetto per i diritti delle persone di questo Paese”.

Le violenze sono frequenti in occasione degli appuntamenti elettorali in Kenya, ex colonia britannica, indipendente dal 1963. Stavolta la situazione più grave si è sviluppata a Kisumu, roccaforte di Odinga, a nord ovest di Nairobi. Gli osservatori dell’Unione europea hanno espresso dubbi sulla correttezza nel conteggio dei voti. Così come preoccupazione è stata espressa dalla Gran Bretagna.