ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Da Belgrado "no" a Europa se sostiene indipendenza Kosovo

Lettura in corso:

Da Belgrado "no" a Europa se sostiene indipendenza Kosovo

Dimensioni di testo Aa Aa

La Serbia si è svegliata a un bivio sul suo sentiero politico, pronta a dire “no” all’Europa se quest’ultima sosterrà l’indipendenza del Kosovo. Il Parlamento di Belgrado ha votato a stragrande maggioranza un testo che vincola l’avvicinamento ai 27 al mantenimento dell’integrità territoriale del Paese.

La risoluzione, sostenuta dai principali partiti serbi, incluso quello del Presidente Boris Tadic, ribadisce il rifiuto dell’indipendenza del Kosovo. Dal canto suo, la provincia a maggioranza albanese è pronta alla secessione unilaterale, che potrebbe scattare già dal prossimo mese. E a gennaio, il 9, la questione torna alle Nazioni Unite, dove le ultime discussioni non hanno potuto che constatare lo stallo nei negoziati.

Sul braccio di ferro diplomatico pende poi la minaccia della Russia di porre il veto su qualsiasi risoluzione non gradita all’alleata Serbia. Mosca è anche contraria alla proposta europea di subentrare nel controllo militare e politico del Kosovo, attualmente esercitato da un’amministrazione speciale dell’Onu e dalle forze Nato.