ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Sud Africa chiama l'Ue per la conquista di un ruolo tra le potenze egemoni

Lettura in corso:

Il Sud Africa chiama l'Ue per la conquista di un ruolo tra le potenze egemoni

Dimensioni di testo Aa Aa

Gli accordi commerciali sono uno dei dossier caldi delle relazioni tra Unione europea e Paesi africani. Tra questi, il Sud Africa sta tentando di tessere relazioni preferenziali con le altre potenze. Con l’Unione europea ha siglato un accordo commerciale che porterà al libero scambio. Ma non tutti sono d’accordo con questa politica. “Tassare le importazioni aiuterebbe a proteggere noi stessi dai prodotti con prezzi più bassi provenienti dal mercato mondiale”, sostiene un agricoltore boero.

Il dazio zero spaventa gli agricoltori che temono l’invasione dei prodotti sovvenzionati dell’Unione europea. Pretoria, però, intende ritagliarsi un ruolo di potenza regionale egemone e per questo, sostengono gli analisti, ha bisogno di partnership bilaterali: “Dovrebbe esserci una parternship tra l’Africa e il mondo sviluppato e industrializzato – dice Tom Wheeler, dell’istituto sud africano di affari internazionali – . Il mondo industrializzato può assistere l’Africa sul problema della povertà che affligge tanti Paesi”.

Non la pensa così il mondo delle organizzazioni non governative. Gli accordi commerciali vanno contro gli interessi di agricoltori e di produttori di manufatti. “Gli agricultori e gli stessi industriali – dice Mouhamet Lamine Ndiaye – hanno lanciato un appello per dire ai capi di stato di non firmare per il momento gli accordi di partenariato economico con l’Europa”.

Tra povertà e violenza, il Sud Africa si prepara a ospitare i mondiali di calcio nel 2010: un appuntamento cruciale per questo Paese in forte crescita economica, ma con una situazione sociale delicata.