ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia, i sostenitori di Putin festeggiano un voto da più parti contestato

Lettura in corso:

Russia, i sostenitori di Putin festeggiano un voto da più parti contestato

Dimensioni di testo Aa Aa

I sostenitori di Vladimir Putin festeggiano il trionfo alle elezioni legislative di ieri. Sono scesi in piazza in diecimila a Mosca per esultare, ma anche per difendere un voto da più parti contestato. Riuniti davanti al Cremlino, i giovani militanti del movimento Nachi, che sostiene il Presidente russo, hanno detto di “essere pronti a mobilitarsi contro chiunque voglia negare la vittoria”.

Sia dall’opposizione interna sia da diversi esponenti della comunità internazionale si levano forti critiche sulla scarsa chiarezza del voto, risultato un plebiscito per Putin.

Ma il Presidente respinge ogni accusa: “La legittimità del Parlamento russo è maggiore ora. Per me non c‘è alcun dubbio che i russi non lasceranno mai scivolare il Paese lungo la via distruttiva che hanno seguito altri Paesi dell’area post sovietica. Questo senso di responsabilità dei cittadini è, a mio avviso, l’indicatore più importante del fatto che il nosto Paese si rafforza non soltanto a livello economico e sociale, ma anche politico”.

Il partito Russia Unita, che aveva Putin come capolista, ha raccolto oltre il 64 per cento dei suffragi e, con 315 parlamentari su 450, ha più dei due terzi dei seggi, una maggioranza che permette di modificare la Costituzione. Tre gli altri partiti che sono riusciti a superare la soglia di sbarramento del 7 per cento: i Comunisti, i liberaldemocratici del populista Vladimir Zhirinovski e Russia Giusta, partito di centro-sinistra vicino al Cremlino.