ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Appelli alla calma nelle periferie parigine dopo gli incidenti a Villier-le-Bel

Lettura in corso:

Appelli alla calma nelle periferie parigine dopo gli incidenti a Villier-le-Bel

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ tornata la violenza nelle periferie di Parigi. Come due anni fa a Clichy-sous-Bois, la notte scorsa a Villier-le-Bel si sono vissuti momenti di autentica guerriglia urbana. Una ventina gli agenti feriti, un commissariato dato alle fiamme e nove persone arrestate.

Sulla scintilla che ha dato fuoco alle polveri – la morte di due ragazzi in un incidente con una auto della polizia – indaga la procura di Pontoise, coadiuvata dall’Ispettorato generale nazionale, conosciuto come “la Polizia delle Polizie”.

Scopo dell’inchiesta quello di accertare eventuali responsabilità dei poliziotti, accusati di omissione di soccorso, che dopo lo scontro con la minimoto sarebbero fuggiti via senza preoccuparsi delle vittime.

“Avevano visto uno che era agonizzante, con un piede tagliato ma non hanno fatto nulla” dice un testimone. “Non sono riusciti a muovere la macchina e allora sono scappati a piedi. Solo una donna, forse una infermiera, è scesa giù in strada e ha prestato soccorso ai due, ma quando sono arrivati gli altri ragazzi del quartiere erano gia morti”.

Il sindaco socialista del comune, Didier Vaillant, ha chiesto una inchiesta imparziale. Da ieri siamo in lutto, ha detto, prima di lanciare un appello alla calma rivolto alla popolazione.