ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nuove proteste contro il presidente ungherese

Lettura in corso:

Nuove proteste contro il presidente ungherese

Dimensioni di testo Aa Aa

Non è una manifestazione religiosa ma una protesta contro le riforme economiche del governo: migliaia di ungheresi, fiaccole in mano, si sono radunati di fronte al Parlamento rispondendo all’appello del partito conservatore Fidesz. Presenti anche alcune centinaia di attivisti di estrema destra che si sono scontrati con la polizia, senza che si segnalino però incidenti di rilievo.

La manifestazione ha fatto seguito a uno sciopero di sei ore che ha portato all’annullamento di treni, alla chiusura dell’aeroporto di Budapest e di alcune scuole.

Altre proteste erano in programma ma hanno registrato un livello di adesioni inferiore al previsto. Il che ha dato una ragione più al premier socialista Ferenc Gyurcsany per affermare che andrà avanti con il suo programma di riforme, che interesseranno anche la sanità, l’istruzione e la pubblica amministrazione.

Con il loro sciopero i ferrovieri protestavano invece contro lo smantellamento di alcune linee secondarie che attraversano zone rurali.