ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il destino del Kosovo tra 21 giorni. Conto alla rovescia per il difficile accordo sul nuovo statuto.

Lettura in corso:

Il destino del Kosovo tra 21 giorni. Conto alla rovescia per il difficile accordo sul nuovo statuto.

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo le elezioni di sabato in Kosovo, la comunità internazionale guarda al vincitore Hashim Tachi chiedendosi se e come terrà fede alle promessa di dichiarare unilateralmente l’indipendenza entro il 10 dicembre.

Tra 21 giorni scadono i negoziati sul futuro statuto della provincia serba a maggioranza albanofona. Stati Uniti, Russia e Unione Europea, incaricati di trattare con serbi e kosovari, dovranno presentare il loro rapporto definitivo.

“Qualsiasi iniziativà dovrà essere presa allo scadere della data del 10 dicembre – ha dichiarato Walter Steinmaier ministro tedesco membro della troika a margine di una riunione a Bruxelles –
Ma è certo che come ministri degli esteri dell’Unione Europea, per quella data, saremo in grado di decidere e di trovare le alternative”.

L’alternativa potrebbe essere quella di un accordo di cooperazione che permetta alle due parti di avere relazioni senza aprire all’indipendenza.

Intanto Belgrado fa pressioni sull’Europa:
“Da sempre abbiamo avuto una posizione flessibile, innovativa, costruttiva – ha detto il vice premier serbo, Bozjdar Dielic – adesso ci aspettiamo dall’Unione Europea che pretenda lo stesso dagli albanesi del kosovo, che fino ad ora non hanno aiutato negoziati”.

A capo dell’ala radicale del movimento indipendentista albanofono, l’ex uck Tachi potrebbe formare una coalizione con lo sconfitto partito moderato del presidente Fatmir Sejdiu fino alla dichiarazione di indipendenza.