ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Protesta nelle università di Francia, trasporti ancora nel caos

Lettura in corso:

Protesta nelle università di Francia, trasporti ancora nel caos

Dimensioni di testo Aa Aa

Un effetto domino che sta mettendo in ginocchio il Paese. L’ondata di scioperi che da martedì sera ha travolto la Francia non si ferma. Mentre il traffico resta in crisi per lo sciopero dei mezzi pubblici, le cose non vanno meglio in altri settori. Come nelle università, dove gli studenti protestano contro la nuova legge sull’autonomia. Il Ministro Valérie Pécresse ha incontrato le organizzazioni degli studenti, ma molti atenei di Francia sono ancora occupati: una trentina, per il governo, 40 dicono gli studenti.

Sul versante dei trasporti, dopo la quasi paralisi dei giorni scorsi, le cose vanno un po’ meglio. Il weekend, però, sarà perturbato. Il dialogo tra governo e sindacati, in lotta sulla riforma del sistema pensionistico, è in stallo. C‘è confusione anche nella linea da seguire. Chi vuole continuare lo sciopero. Chi, invece, invita a sospenderlo. Nelle strade, ci si arrangia come si può, in attesa del ritorno alla normalità. E c‘è preoccupazione per il 20 novembre, quando anche i dipendenti pubblici incroceranno le braccia.