ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Germania, i macchinisti minacciano lo sciopero a oltranza

Lettura in corso:

Germania, i macchinisti minacciano lo sciopero a oltranza

Dimensioni di testo Aa Aa

Si fa sempre più duro il braccio di ferro tra macchinisti e ferrovie tedesche. In mancanza di un accordo salariale entro lunedì, il sindacato Gdl minaccia di proseguire lo sciopero a oltranza. Impegnato dall’estate scorsa nel rinnovo del contratto, il sindacato ha proclamato da ieri un’astensione dal lavoro. Inizialmente prevista sino alle due di notte di sabato, potrebbe durare fino a Natale. “Se i lavoratori vogliono ottenere qualcosa devono lottare – dice un sindacalista – Altrimenti non atterremo nulla dal datore di lavoro”.

Oggi il blocco dei treni passeggeri si è aggiunto a quello dei treni merci, cominciato ieri. La Deutsche Bahn ha raggiunto un accordo con altre associazioni, ma non accoglie le richieste della Gdl. “I problemi potevano essere risolti prima – dice Karl Friederich Rausch, portavoce della società – . Vogliono la nostra resa incondizionata, ma questo non accadrà”.

I disagi hanno interessato milioni di viaggiatori. Particolarmente difficile la situazione nell’est del Paese dove la Gdl è più forte. “E’ una vera catastrofe – dice un passeggero alla stazione di Lipsia – . A causa di qualche macchinista tutto il sistema ferroviario è perturbato”. “Bisogna prenderla con filosofia – dice una viaggiatrice – è l’unica cosa che si può fare”.

Disagi si stanno verificando anche all’aeroporto di Francoforte: i passeggeri in arrivo non hanno treni per andare in città. Lo sciopero di questi giorni è il più grande mai portato avanti in Germania. E costa alla prima economia europea 50 milioni di euro al giorno.