ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Georgia: la Russia chiude l'ultima base militare, in un momento di forti tensioni tra i due Paesi

Lettura in corso:

Georgia: la Russia chiude l'ultima base militare, in un momento di forti tensioni tra i due Paesi

Dimensioni di testo Aa Aa

Fine della presenza militare russa in Georgia. Dopo 200 anni. Il comando dell’esercito di Mosca nel Caucaso ha annunciato la chiusura dell’ultima base, a Batumi sul mar nero. Una decisione che arriva nel mezzo di un conflitto diplomatico. Il presidente georgiano Mikhail Saakashvili accusa Mosca di manovrare le proteste dell’opposizione contro di lui. Proteste che ha messo a tacere imponendo lo stato di emergenza che venerdì dovrebbe essere revocato.

A giugno i russi si erano ritirati da un’altra base, nel sud, quella di Akhalkalaki. Negli anni ’90 ne sono state chiuse altre due a Tiblisi e Gudauta. Quest’ultima si trova in Abkhazia, la repubblica autoproclamatasi indipendente assieme all’Ossezia del sud, con il sostegno di Mosca.

La Georgia ritiene che Gudauta non sia stata chiusa e accusa la Russia di inviare militari in Abkhazia. Dopo la guerra tra separatisti e Georgia, nella regione sono stati schierati un contingente dell’Onu e uno della comunità degli stati indipendenti per monitorare il rispetto del cessate il fuoco.