ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Soldati russi ripuliscono coste Mar Nero

Lettura in corso:

Soldati russi ripuliscono coste Mar Nero

Dimensioni di testo Aa Aa

Centinaia di militari russi sono al lavoro per ripulire le coste sul Mar Nero contaminate dal petrolio. Le cinque navi affondate domenica a causa della tempesta hanno riversato in mare circa duemila tonnellate di petrolio, oltre a zolfo e materiali ferrosi. L’incidente avvenuto nei pressi dello Stretto di Kerch, che collega Mar Nero e Mare di Azov ha finora causato tre morti. I loro corpi sono stati restituiti dalle acque.

Le autorità fanno sapere che oggi si deciderà se continuare le ricerche dei dispersi. Una ventina di uomini mancano ancora all’appello. Il buio e il peggioramento delle condizioni atmosferiche, con pioggia, vento e nebbia, hanno reso le operazioni difficili durante la notte. Autorità russe ed ecologisti parlano di disastro ambientale. Secondo il WWF, 12 chilometri di costa sarebbero stati intaccati dagli idrocarburi. Almeno trentamila i volatili morti, in un’importante zona, lo Stretto di Kerch, di passaggio per gli uccelli migratori.