ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Parlamento di Tiblisi vota lo stato d'emergenza

Lettura in corso:

Il Parlamento di Tiblisi vota lo stato d'emergenza

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Parlamento georgiano pronto ad approvare lo stato d’emergenza. Ma, contemporaneamente, a Tiblisi, la curva della crisi comincia la sua fase discendente. L’esercito che da giorni aveva militarizzato le strade della capitale sta infatti smobilitando. Frutto dell’annuncio a sorpresa di ieri: il Presidente Mikhail Saakashvili ha assicurato la convocazione anticipata delle elezioni presidenziali. Annuncio accolto positivamente e dall’opposizione e dalla piazza. Anche se le opinioni divergono:

“Credo che il Presidente abbia fatto una mossa intelligente e sono convinta che sarà riconfermato alle elezioni” dice una ragazza. “A mio avviso, vista l’attuale situazione, Saakashvili non ha la minima possibilità di vincere le elezioni” commenta un abitante della capitale.

Elezioni previste per il 5 gennaio. La scelta di Saakashvili, Presidente filo-occidentale ma accusato di autoritarismo, corruzione e incapacità di gestire i problemi socio-economici del Paese, arriva subito dopo le dure critiche da parte degli alleati europei e statunitensi per la repressione delle proteste degli ultimi giorni.