ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Processo Seselj: l'ultranazionalista serbo accusa tribunale Aja

Lettura in corso:

Processo Seselj: l'ultranazionalista serbo accusa tribunale Aja

Dimensioni di testo Aa Aa

Un tribunale illegale e illegittimo. Sparando a zero sui giudici dell’Aja l’ultranazionalista serbo Vojislav Seselj ha parlato per la prima volta davanti al Tribunale Penale Internazionale per i crimini nella ex Jugoslavia. Il processo, iniziato ieri, vede Seselj accusato di crimini di guerra e contro l’umanità per avere messo in piedi un’organizzazione criminale con l’ex presidente serbo Slobodan Milosevic.

Seselj accusa la corte di essere antiserbo, per avere definito “genocidio” il massacro di Srebrenica del 1995. Seselj, 53 anni, lasciò Belgrado nel 2003 per consegnarsi spontaneamente alla corte dell’Aja. Dal carcere continua a guidare il Partito Radicale serbo, il maggiore nel Parlamento, da lui fondato nel 1990.