ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Crisi in Belgio, il sindaco di Bruxelles: "è la fine di una vita in comune"

Lettura in corso:

Crisi in Belgio, il sindaco di Bruxelles: "è la fine di una vita in comune"

Dimensioni di testo Aa Aa

Lo strappo in parlamento provocato dai fiamminghi, viene interpretato dai partiti francofoni come “un atto di guerra.”
Per la prima volta dall’indipendenza del Belgio, i rappresentanti dei sei milioni di fiamminghi hanno usato la loro maggioranza per imporsi sui quattro milioni di francofoni. Dure le parole del sindaco socialista di Bruxelles Freddy Thielemans:

“penso che sia una dichiarazione molto nazionalista, vicina a una posizione di estrema destra dei fiamminghi. Mi meraviglio che anche i democratici l’abbiano votata. Penso che di fatto rappresenti la fine di una vita in comune” Per i liberali francofoni, impegnati fino ad oggi nei negoziati per la formazione di un governo di coalizione, il patto fra belgi rischia di essere minacciato ma, al momento, non hanno dichiarato di voler interrompere le trattative.