ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Spagna, 21 condanne per l'attentato dell'11 marzo 2004

Lettura in corso:

Spagna, 21 condanne per l'attentato dell'11 marzo 2004

Dimensioni di testo Aa Aa

La giustizia spagnola ha riconosciuto colpevoli 21 dei ventotto imputati nel processo per l’attentato dell’11 marzo 2001 contro la rete ferroviaria di Madrid. Un attentato che fece 191 vittime.

Tre dei presunti ideatori della strage sono stati condannati a pene fino a 40mila anni di carcere. Tra questi anche il marocchino Jamal Zugan, per la sua responsabilità diretta nel posizionare le bombe. In accordo con quanto stabilito dal codice penale spagnolo, le pene verranno ridotte a 40 anni ciascuno.

La sentenza ha destato sorpresa, perché tra i sette imputati assolti c‘è Rabei Osman Sayed Ahmed, detto Mohammed l’egiziano, e considerato sulle prime una delle presunte menti della strage. Mohammed l’egiziano sta attualmente scontando una pena detentiva in Italia per associazione a un’organizzazione terroristica.

La lettura della sentenza, che le famiglie delle vittime hanno atteso per più di tre anni, è stata data dal presidente del tribunale Javier Gomez Bermudez. I giudici hanno per altro accertato l’estraneità dell’Eta all’attentato. A puntare il dito contro i terroristi baschi, all’indomani della strage, era stato il governo di José Maria Aznar, che venne poi sconfitto alle elezioni.

Secondo alcuni analisti, il processo potrebbe avere ripercussioni anche sulle prossime elezioni politiche, a cui mancano meno di cinque mesi.