ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Indiscrezioni a Washington: promessa l'immunità alle guardie private che uccisero 17 civili iracheni

Lettura in corso:

Indiscrezioni a Washington: promessa l'immunità alle guardie private che uccisero 17 civili iracheni

Dimensioni di testo Aa Aa

La diplomazia statunitense nella bufera per l’accusa di aver concesso l’immunità a guardie della compagnia di sicurezza Blackwater implicate in una strage in Iraq. Secondo indiscrezioni comparse sulla stampa, alcune guardie si sarebbero rifiutate di rispondere alle domande dell’Fbi, citando garanzie ricevute dal dipartimento di Stato nel corso di un’altra inchiesta partita in precedenza.

Il portavoce Sean McCormack ha parzialmente smentito: “Il dipartimento di Stato non può concedere immunità dai procedimenti giudiziari federali. E anche quelle limitate protezioni, di cui ho letto sulla stampa, non precludono lo svolgimento dei procedimenti federali”.

L’Fbi sta indagando sull’uccisione di 17 civili iracheni, il 16 settembre scorso, da parte di guardie del corpo della Blackwater. La compagnia dice che i suoi dipendenti hanno risposto al fuoco. Ieri il governo di Bagdad ha varato un disegno di legge che riporterebbe l’attività delle compagnie di sicurezza straniere sotto la giurisdizione dei tribunali iracheni.