ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Fra terrorismo e diritti umani, fa scalpore la visita a Londra del Re d'Arabia Saudita

Lettura in corso:

Fra terrorismo e diritti umani, fa scalpore la visita a Londra del Re d'Arabia Saudita

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ arrivato a Londra facedonsi precedere dalle polemiche. Il re Abdallah, primo monarca saudita in visita in Gran Bretagna da 20 anni, in un’intervista rilasciata prima della partenza ha affermato che Londra non fa abbastanza contro il terrorismo. Abdallah, che all’aeroporto di Heathrow è stato accolto dal principe Carlo d’Inghilterra, ha rivelato che l’Arabia Saudita aveva trasmesso informazioni utili a prevenire gli attentati del luglio 2005 ma che queste non sarebbero state utilizzate.

Fonti dei servizi segreti britannici hanno però ribattuto che le indicazioni erano troppo vaghe.A infiammare il dibattito politico non è solo quello che il Re ha detto ma il suo stesso arrivo. Come dice Vince Cable, leader dei Liberal Democratici: “Penso sia assolutamente sbagliato che il governo britannico abbia approvato la visita del capo di un regime brutale, che ha terribili precedenti in materia di diritti umani, che è antidemocratico e profondamente corrotto”.

Per oggi a Londra sono attese manifestazioni contro il regime saudita da parte di attivisti per i diritti civili. Ieri sera, intanto, fuori dall’ambasciata a Londra gli slogan erano di tutt’altro segno: decine di estremisti islamici hanno accusato l’Arabia Saudita di essere troppo filo-occidentale.