ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Turchia è pronta all'attacco in Iraq, mentre la diplomazia lavora per scongiurare la crisi militare

Lettura in corso:

La Turchia è pronta all'attacco in Iraq, mentre la diplomazia lavora per scongiurare la crisi militare

Dimensioni di testo Aa Aa

Si aggrava la tensione militare e politica al confine nord-iracheno della Turchia, dove maggiormente opera la guerriglia legata al Pkk, il fuorilegge Partito Comunista Curdo. A far precipitare la crisi un nuovo attentato che ha causato la morte di 17 militari turchi. Il governo del primo ministro Erdogan è sotto forte pressione da parte della stampa nazionalista e di ispirazione religiosa, che alimenta un’opinione pubblica sempre piu’ incline a chiedere un’azione militare oltre-confine.

“Abbiamo già molti martiri”, dice un abitante di Ankara, “per questo dobbiamo condurre l’operazione militare. Spero che, in caso contrario, il numero delle vittime turche non aumenti. Ma l’attacco sarebbe una bella lezione per l’Iraq “. Il parlamento turco nei giorni scorsi ha approvato a larga maggioranza una mozione in favore della risposta militare.

Ma il premier Erdogan deve rispondere anche e soprattutto agli Stati Uniti, che temono il dilagare dei combattimenti in un contesto già difficilissimo come quello dell’Iraq. Il premier turco ha finora aderito alle pressioni americane, ma tutto si decidrà entro pochi giorni.